Efficienza Energetica

Come usufruire della detrazione fiscale del 65% per caldaia?

Redazione / 1 Maggio 2024

Condividi questo articolo sui tuoi social!

Criteri per l’accesso alla detrazione del 65%

La detrazione fiscale del 65% rappresenta un’opportunità significativa per i contribuenti che intendono effettuare interventi di riqualificazione energetica, tra cui la sostituzione delle caldaie con modelli a condensazione ad alta efficienza energetica. Per accedere a questa detrazione, è fondamentale soddisfare specifici criteri stabiliti dalla normativa vigente. In primo luogo, la caldaia installata deve garantire un miglioramento dell’efficienza energetica dell’edificio, conformemente ai requisiti minimi definiti dal Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico. Inoltre, è necessario che l’intervento sia realizzato su immobili esistenti, escludendo quindi quelli in fase di costruzione o di nuova realizzazione.

Un altro aspetto cruciale riguarda la documentazione necessaria per attestare la conformità dell’intervento ai criteri richiesti. È indispensabile, infatti, disporre di una certificazione energetica (APE) che attesti il miglioramento delle prestazioni energetiche dell’edificio a seguito dell’installazione della nuova caldaia. In aggiunta, è richiesto il rispetto delle procedure di qualificazione degli interventi, che prevedono l’invio di specifiche comunicazioni all’ENEA entro 90 giorni dalla conclusione dei lavori. Questi requisiti sono dettagliatamente descritti nel sito dell’ENEA dedicato alle detrazioni fiscali per le ristrutturazioni energetiche.

Potrebbe interessarti anche:   Come si fa a salire di due classi energetiche?

La scelta del fornitore e dell’installatore della caldaia riveste un’importanza non secondaria. È consigliabile affidarsi a professionisti qualificati e certificati, che possano garantire l’installazione conforme alle normative vigenti e l’ottimizzazione delle prestazioni energetiche. La documentazione fiscale relativa all’acquisto e all’installazione della caldaia deve essere conservata con cura, in quanto costituisce elemento fondamentale per la fruizione della detrazione fiscale. La normativa prevede inoltre che l’intervento sia pagato tramite bonifico bancario parlante, che consenta di tracciare l’operazione finanziaria associandola espressamente al beneficio fiscale.

Procedura per l’ottenimento del beneficio fiscale

Per usufruire della detrazione fiscale del 65% relativa all’installazione di caldaie a condensazione ad alta efficienza energetica, è necessario seguire una procedura ben definita. In primo luogo, è indispensabile che il contribuente effettui i pagamenti relativi all’intervento tramite bonifico bancario parlante, che deve riportare specifici dati: il codice fiscale del beneficiario della detrazione, la causale del versamento che faccia riferimento alla normativa sulla detrazione del 65%, nonché il numero di fattura e la partita IVA o il codice fiscale del soggetto a cui è stato effettuato il pagamento.

Potrebbe interessarti anche:   Cosa succede alle case nel 2030?

Successivamente, è fondamentale procedere con l’invio della documentazione all’ENEA, attraverso il portale dedicato, entro 90 giorni dalla conclusione dei lavori. Questa fase include la trasmissione dell’attestato di prestazione energetica (APE), della documentazione fiscale relativa all’intervento e di ogni altro documento che possa attestare la conformità dell’opera ai criteri richiesti per l’accesso alla detrazione. La mancata o errata trasmissione di questi documenti può comportare la perdita del diritto alla detrazione.

Infine, per rendere effettiva la detrazione fiscale del 65%, il contribuente deve inserire nella dichiarazione dei redditi (modello 730 o Unico) le spese sostenute per l’intervento, ripartendo l’importo della detrazione in dieci quote annuali di pari importo. È importante sottolineare che la detrazione spetta al possessore dell’immobile al momento dell’esecuzione dei lavori, indipendentemente dalla sua qualifica di proprietario, inquilino o comodatario. La corretta applicazione di questa procedura permette di beneficiare appieno del sostegno fiscale previsto per gli interventi di riqualificazione energetica, contribuendo significativamente alla riduzione dei consumi energetici e all’incremento del comfort abitativo.

Potrebbe interessarti anche:   Come riscaldare 200 mq?

Ti è piaciuto questo articolo?
Condividilo sui tuoi social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi questo articolo sui tuoi social!

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo sui tuoi social!

Vuoi usufruire dell’Ecobonus 110% per la tua abitazione?

Iscriviti alla più grande rete di privati, professionisti e aziende della Toscana dedicata al super Ecobonus

News in anteprima, sempre verificate dalla nostra redazione

Le migliori soluzioni sugli interventi che ti interessano

I professionisti e le aziende specializzate sul tuo territorio

Iscriviti