Efficienza Energetica

Chi deve fare il rapporto di efficienza energetica?

Redazione / 16 Aprile 2024

Condividi questo articolo sui tuoi social!

Identificazione degli obblighi per il rapporto energetico

L’efficienza energetica rappresenta una delle priorità nell’ambito delle politiche ambientali e di sostenibilità, sia a livello europeo che nazionale. In Italia, la normativa di riferimento per quanto riguarda l’efficienza energetica negli edifici è il D.Lgs. 102/2014, che recepisce la Direttiva 2012/27/UE. Questo decreto legislativo stabilisce l’obbligo per determinate categorie di soggetti di effettuare periodici audit energetici o di implementare un sistema di gestione dell’energia certificato. Gli obblighi di rapporto energetico riguardano principalmente le grandi imprese e le imprese energivore, le quali devono sottoporsi a un audit energetico ogni quattro anni, al fine di mappare i consumi energetici e identificare le misure di miglioramento dell’efficienza energetica.

La normativa prevede inoltre specifiche esenzioni per alcune categorie di soggetti, quali le piccole e medie imprese (PMI), che tuttavia sono invitate a valutare volontariamente la realizzazione di audit energetici o l’adozione di sistemi di gestione dell’energia per migliorare la propria efficienza. È fondamentale, per le organizzazioni soggette a tale obbligo, identificare correttamente la propria categoria di appartenenza per adempiere alle prescrizioni normative, evitando sanzioni e contribuendo al contempo agli obiettivi di sostenibilità energetica.

Potrebbe interessarti anche:   Cosa succede alle case nel 2030?

Per una corretta identificazione degli obblighi, è consigliabile consultare le linee guida pubblicate dall’Enea, l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile, che forniscono chiarimenti dettagliati su categorie di soggetti obbligati, criteri di classificazione e modalità di esecuzione degli audit energetici. Queste risorse sono disponibili sul sito ufficiale dell’Enea e rappresentano un punto di riferimento essenziale per tutte le imprese che devono conformarsi alla normativa sull’efficienza energetica.

Procedure e soggetti responsabili dell’audit energetico

L’audit energetico deve essere realizzato seguendo specifiche procedure tecniche, al fine di garantire l’affidabilità e la coerenza dei dati raccolti e delle analisi effettuate. La normativa italiana, in linea con le direttive europee, prevede che l’audit sia condotto da esperti qualificati o da organismi accreditati, i quali devono possedere le competenze tecniche necessarie per valutare in modo approfondito i consumi energetici e individuare le opportunità di miglioramento dell’efficienza energetica. Gli auditor devono inoltre seguire le linee guida nazionali e internazionali pertinenti, come la norma UNI CEI EN 16247, che definisce i criteri e le metodologie per la realizzazione degli audit energetici.

Potrebbe interessarti anche:   Quanto tempo ci vuole per coibentare un tetto?

La responsabilità della realizzazione dell’audit energetico ricade direttamente sull’impresa obbligata, la quale deve selezionare un auditor qualificato e garantire la disponibilità di tutte le informazioni e le risorse necessarie per l’esecuzione dell’audit. È importante sottolineare che l’audit energetico non si limita a una semplice raccolta di dati sui consumi, ma deve includere un’analisi dettagliata delle modalità di utilizzo dell’energia, dei processi produttivi, degli impianti e degli edifici, al fine di identificare le misure tecniche ed economicamente fattibili per migliorare l’efficienza energetica.

Al termine dell’audit, l’esperto o l’organismo accreditato deve redigere un rapporto dettagliato che includa l’analisi dei consumi energetici, la valutazione delle opportunità di miglioramento dell’efficienza e le raccomandazioni per l’implementazione delle misure identificate. Questo rapporto deve essere presentato all’impresa committente e, in alcuni casi, alle autorità competenti, come previsto dalla normativa. La realizzazione periodica degli audit energetici e l’attuazione delle misure di miglioramento raccomandate contribuiscono significativamente alla riduzione dell’impatto ambientale delle attività produttive e al miglioramento della competitività delle imprese attraverso la riduzione dei costi energetici.

Potrebbe interessarti anche:   Quali sono le case con classe energetica G?

Ti è piaciuto questo articolo?
Condividilo sui tuoi social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi questo articolo sui tuoi social!

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo sui tuoi social!

Vuoi usufruire dell’Ecobonus 110% per la tua abitazione?

Iscriviti alla più grande rete di privati, professionisti e aziende della Toscana dedicata al super Ecobonus

News in anteprima, sempre verificate dalla nostra redazione

Le migliori soluzioni sugli interventi che ti interessano

I professionisti e le aziende specializzate sul tuo territorio

Iscriviti