Cappotto termico

Come si mettono gli isolanti nei muri?

Redazione / 15 Maggio 2024

Condividi questo articolo sui tuoi social!

Scelta dell’isolante adatto per i muri

La scelta dell’isolante adatto per i muri è un passo cruciale per garantire l’efficienza energetica e il comfort abitativo di un edificio. Materiali come polistirene espanso (EPS), lana di roccia, fibra di legno, e poliuretano espanso sono tra le opzioni più popolari, ognuno con specifiche proprietà termiche, acustiche e di reazione al fuoco. La decisione dovrebbe basarsi su una valutazione approfondita delle esigenze specifiche dell’edificio, considerando fattori come il clima, l’esposizione e le caratteristiche strutturali dei muri. È fondamentale consultare le normative vigenti in materia di isolamento termico, come quelle riportate nel Decreto Legislativo 192/2005 e s.m.i., per assicurarsi che la soluzione scelta sia conforme ai requisiti di legge.

La conduttività termica (λ), la resistenza termica (R), e la permeabilità al vapore sono parametri chiave nella scelta dell’isolante. Materiali con bassa conduttività termica e alta resistenza termica sono più efficaci nel limitare i flussi termici, contribuendo significativamente al risparmio energetico. La permeabilità al vapore, invece, influenza il comportamento del materiale rispetto all’umidità, aspetto cruciale per prevenire problemi di condensa e muffa. Le schede tecniche dei produttori, disponibili sui loro siti ufficiali, forniscono dati dettagliati che possono aiutare nella selezione dell’isolante più adatto.

Potrebbe interessarti anche:   Quanto costa polistirolo da 2 cm?

Inoltre, la sostenibilità dei materiali isolanti è diventata un criterio sempre più importante nella scelta. Materiali ecologici, come la fibra di legno o la lana di roccia, derivati da risorse rinnovabili e con un basso impatto ambientale in termini di produzione e smaltimento, sono preferibili per progetti che mirano alla certificazione ambientale o semplicemente per chi desidera ridurre l’impronta ecologica del proprio edificio. La scelta dell’isolante giusto è quindi un equilibrio tra prestazioni termiche, impatto ambientale e requisiti normativi.

Tecniche di installazione degli isolanti murali

L’installazione degli isolanti nei muri può essere realizzata attraverso diverse tecniche, a seconda del tipo di muro (portante, divisorio, interno o esterno) e del materiale isolante scelto. Una delle tecniche più comuni per l’isolamento di muri esistenti è l’insufflaggio, che consiste nell’inserire l’isolante in forma granulare o in fiocchi attraverso piccoli fori praticati nel muro. Questa tecnica è particolarmente adatta per l’isolamento post-costruzione, poiché minimizza l’intervento strutturale sull’edificio. L’insufflaggio richiede attrezzature specifiche e personale qualificato per garantire una distribuzione uniforme del materiale isolante all’interno della cavità muraria.

Potrebbe interessarti anche:   Quanto costa isolare i muri?

Per i muri di nuova costruzione o in fase di ristrutturazione profonda, l’installazione di pannelli isolanti è una soluzione efficace. Questi possono essere applicati esternamente (sistema a cappotto) o internamente, a seconda delle esigenze specifiche del progetto. L’installazione a cappotto prevede l’applicazione di pannelli isolanti sulla facciata esterna dell’edificio, seguita da un rivestimento protettivo e decorativo. Questa tecnica non solo migliora l’isolamento termico ma anche estetico dell’edificio. La corretta installazione dei pannelli richiede attenzione particolare alla sigillatura delle giunzioni e alla prevenzione di ponti termici, per cui è consigliabile affidarsi a professionisti esperti.

Infine, l’isolamento interno, sebbene meno invasivo rispetto all’installazione esterna, richiede una particolare attenzione alla gestione del vapore e alla prevenzione della condensa interstiziale. In questo caso, è essenziale utilizzare materiali con adeguata permeabilità al vapore e prevedere barriere al vapore ove necessario. La scelta della tecnica di installazione deve essere guidata da una valutazione accurata delle caratteristiche dell’edificio e degli obiettivi di isolamento, considerando sempre l’equilibrio tra prestazioni termiche, impatto estetico e costi di intervento.

Potrebbe interessarti anche:   Quale pittura su cappotto termico?

Ti è piaciuto questo articolo?
Condividilo sui tuoi social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi questo articolo sui tuoi social!

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo sui tuoi social!

Vuoi usufruire dell’Ecobonus 110% per la tua abitazione?

Iscriviti alla più grande rete di privati, professionisti e aziende della Toscana dedicata al super Ecobonus

News in anteprima, sempre verificate dalla nostra redazione

Le migliori soluzioni sugli interventi che ti interessano

I professionisti e le aziende specializzate sul tuo territorio

Iscriviti